venerdì 20 marzo 2009

Pablo Neruda

Tu al mio fianco sulla sabbia, sei sabbia,
tu canti e sei canto,
Il mondo è oggi la mia anima
canto e sabbia,il mondo oggi è la tua bocca,
lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia
essere felice,
essere felice perché si,
perché respiro e perché respiri,
essere felice perché tocco il tuo ginocchio
ed è come se toccassi la pelle azzurra del cielo
e la sua freschezza.
Oggi lasciate che sia felice, io e basta,
con o senza tutti, essere felice con l’erba
e la sabbia essere felice con l’aria e la terra,
essere felice con te,con la tua bocca,
essere felice.

5 commenti:

Tomaso ha detto...

Bellissima questa poesia, l'amore che ci unisce è una dolce catena con la quale è un inmenso piacere essere incatenati...
Un forte abbraccio miei cari,
Tomaso

Anto e Paolo ha detto...

Ciao Tomaso! Mi piace quello che hai detto,non avrei altro da aggiugere a parte il fatto che concordo pienamente con te! Un forte abbraccio a te!^_^

Pupottina ha detto...

bellissima davvero questa poesia di Neruda!

ciao
buon weekend

^__________^

Anto e Paolo ha detto...

Ciao Pupottina, buon week-end anche a te!!! Un bacione e un abbraccio! Saluti anche a Kevin ^_______________^!!!!!

lellofieramosca ha detto...

La felicità è sempre ricercata,ma è sempre sfuggente.
Ciao amici